martedì 15 dicembre 2015

Caro Babbo Natale...

Questo è decisamente l'anno dei sex toys, non solo di quelli riguardanti la sfera femminile, ma anche e soprattutto della sfera maschile.
E' stato l'anno dell'apertura di molte aziende guidate da donne (sempre sui sex toys), il che ci rende tutti felici.

Ma cosa non deve mancare sotto l'albero di Natale delle/degli italiane/i?
Sarò di parte, ma un bel sex toys colorato, elegante e di design ci sta sempre!


Ecco la lunga lista per Lei (mi sono trattenuta eh):
  • Ina Wave, il rabbit della Lelo che con il suo movimento regala orgasmi intensi, ottimo per chi ha orgasmi interni e che per li ha esterni.
    La lelo non si smentisce mai, infatti Ina Wave è stato il sex toys dell'anno 2015.
    Per avere più dettagli, informazioni e consigli leggi qui...
  • Fifi, rabbit della Je Joue. Con le sue orecchiette abbraccia il clitoride, ottimo per chi ha un orgasmo esterno. Bello nel design e per il tipo di materiale.
  • Magic Wand, un massaggiatore perfetto per la stimolazione del clitoride. Non deve mancare all'interno del comodino di una donna!
  • L'adorabile Banana della Love to Love, discreta e molto carina.
  • Il set di mini vibratori della Fun Factory. Contiene di tutto un po': un piccolo rabbit, un piccolo vibratore ecc, divertente per via dei colori molto accesi.
    La Fun factory ha realizzato questo set proprio per chi è indeciso ed ha voglia di scoprirsi, ma anche per chi ha voglia di portarsi sempre in viaggio i suoi piccoli gioielli.
Per Lui:
  • Del brand Lelo non possono mancare sotto l'albero: Tor 2, Loki e Hugo.
    Tor 2 è un anello di design che aiuta a ottenere un'erezione lunga e durevole per lui e stimola in maniera molto piacevole il clitoride. Un doppio piacere firmato dal brand dell'anno!
    Loki Wave è un massaggiatore prostatico vibrante che si muove avanti e indietro, esattamente come la mitica Ina!
    Hugo  è l'ultimo nato in casa Lelo. E' un massaggiatore per la prostata telecomandato che rappresenta un modo tutto nuovo di pensare il piacere maschile, sia all’interno della coppia che da soli.
  • Egg Wavy della Tenga, il masturbatore per uomo in morbidissimo silicone; il suo design interno richiama una texture a onde che accarezza il pene restituendo una stimolazione delicata ma allo stesso tempo intensa.
  • Coba Libre II della Funfactory, un fantastico masturbatore che avvolgere interamente il pene e intensifica le vibrazioni proprio in corrispondenza del glande, parte più sensibile, ritardando l'eiaculazione. 
Per la coppia:
  • Tiani 2 firmato Lelo, il vibratore per la coppia più amato del web, vincitore del Red Dot Design Award per via della sua esclusiva tecnologia SenseMotion che permette di regolare le vibrazioni con una semplice inclinazione del telecomando tenuto in mano dal partner! Viene indossato da lei durante il rapporto o anche in momenti quotidiani, regalandole un doppio piacere attraverso la stimolazione vaginale e quella clitoridea.
  • Come il Tiani lelo, anche Mahana della PicoBong è molto interessante; senza telecomando, ma ugualmente incredibile e perfetto nella forma, nei colori e nelle sensazioni!
  • Share Vibe Nude, altro toy della Fun Factory, è uno strapless fratello maggiore della linea Share Dildo, bestseller da oltre 10 anni in casa Fun Factory. Include un bullet vibrante incorporato e rimovibile con 2 modalità di vibrazione e 3 intensità. Si tratta di un oggetto unico, pensato per essere inserito nella vagina in modo da essere sostenuto dai soli muscoli vaginali senza l’ausilio di imbracatura e da dare piacere simultaneo a entrambi i partner. 
  • Torniamo nuovamente in casa PicoBong con Transformer un tutto fare incredibile. Vibratore rabbit, clitorideo, G-Spot, per coppie, cockring e massaggiatore prostatico, Transformer è il sex toy per eccellenza, curioso, libero e divertente. Sulle sue due estremità opposte presenta due vibratori diversi, potenziati ognuno da un motore specifico capace di regolare ben 10 modalità di vibrazione. A collegarli un lungo filo, resistente ma flessibile, di silicone liscio, morbido e completamente impermeabile.
Insomma, quest'anno non ci sono scuse, è l'anno dei sex toys...che sia un regalo per un'amica/o o per voi c'è una scelta incredibile sul mercato: divertente, colorata, di design!
Se volete essere unici nell'idea regalo ecco a voi la lista...fatene buon uso!

Curiosità:
Nella foto d'inizio articolo un albero di natale del 2013
 in corso Como a Milano addobbato con moltissimi sex toys!

martedì 1 dicembre 2015

Via da occhi indiscreti!

Qual è il simbolo fallico per eccellenza?
Ma la banana, è ovvio!

O forse i cetrioli...che in questi giorni stanno spopolando su facebook spaventato gattini che hanno appena finito di mangiare la loro preda in scatola!
Ad ogni modo vi presento una banana un po' diversa dal solito; si chiama Oh Oui! ed è una banana fuxia in silicone di Love to Love, con doppia funzione: dildo per la penetrazione vaginale e la stimolazione clitoridea, vibratore grazie al bullet vibrante rimovibile per massaggiare le tue zone erogene.
La sua forma a banana è perfetta per raggiungere il punto G ed è comoda da portare ovunque senza dare troppo nell'occhio, sembra un porta banana!
L'unico frutto dell'amor..è la banana è la banana...

martedì 17 novembre 2015

Feticismo - Dal piede alla frusta

Partendo dalla definizione più ampia del termine: un feticcio è ciò che in psicoanalisi viene definito come l'oggetto che attraverso un meccanismo di simbolizzazione, assume un significato sessuale. Il termine deriva dal latino fecticius ("costruito", "fabbricato") e indica l'oggetto inanimato al quale viene attribuito un potere spirituale o magico.

Quando sentiamo la parola feticismo ci viene spesso in mente la passione che molti hanno verso il piede femminile, ma in realtà il termine, come specificato sopra, è molto di più.
Esistono feticismi di varia natura, da quello del piede appunto, a quello per i palloncini. Sì, avete letto bene, per i palloncini!
Ognuno di noi inconsciamente ha un feticcio verso qualcosa: dall'intimo femminile (molto diffuso) a quello per un determinato strumento come può essere una bacchetta (usata verso di noi o su di altri).
Nulla di anomalo insomma, avere una specifica attrazione e provare desiderio sessuale al pensiero di una specifica cosa o oggetto è una cosa molto diffusa e molto comune.

Ovviamente la medicina si è occupata anche di questo e negli anni il DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) ha modificato i pareri a riguardo.
Bisogna distinguere però il feticismo dalla parafilia che è invece un’attrazione ossessivo-compulsiva per un oggetto che diventa fondamentale per l’eccitazione sessuale e senza il quale i rapporti sessuali si rivelano impossibili.


Ci sono davvero molti tipi di feticci e tendono sempre ad essere qualcosa legata al desiderio sessuale. Mi è spesso capitato di chiacchierare con persone che mi chiedevano se fosse "normale" eccitarsi con determinati oggetti (immaginandosi una scena), con determinate parti del corpo (piedi, mani, seni), o per odori. Non sono ne sessuologa, ne psicologa, ma in questi ultimi anni ho avuto modo di avere contatti con persone che mi hanno raccontato molte loro esperienze e che spesso mi hanno chiesto consigli di ogni tipo riguardanti la sfera sessuale. Tutte queste esperienze hanno definito: il piede come rimando alla figura femminile ad esempio, la frusta come una punizione desiderata ed erotizzata, un odore come un ricordo positivo inconscio d'infanzia.

Tra i feticismi più "strani" c'è quello per i palloncini (esistono siti creati apposta su internet), è affiancato a tutti quei feticismi collegati alle sensazioni tattili come possono essere ad esempio il latex (feticismo per altro molto diffuso).

L'arte ha spesso incontrato il feticismo, molti artisti hanno proprio esternato in maniera quasi ossessiva il loro feticismo. Ne è un grande esempio Tarantino con la sua passione per il piede femminile che nei sui film ricorre sempre.

giovedì 22 ottobre 2015

Pillole di storia - capitolo II

Quando mi trovo a chiacchierare di sex toys con persone che mi incontrano e sono a conoscenza di questo blog, spesso mi chiedono aneddoti divertenti o di raccontare come sono nati alcuni sex toys e di come vadano le statistiche circa i singoli argomenti qui su Plug the fun in.
Una delle storie che amo di più raccontare è legata alla magic wand!

La magic wand nasce grazie alla società giapponese Hitachi, che nel 1968 importò questo vibromassaggiatore negli Usa. Nasceva come massaggiatore, ma non fu così difficile trasformare il suo scopo finale!
E' divenuto famoso come vibratore grazie Betty Dodson, educatrice sessuale. Nel 1992 i dirigenti della Hitachi decidono di dare il via alla produzione di cioccolatini con la forma della magic wand, in onore della ricorrenza dei 15 anni di Good Vibrations.
Sette anni dopo, però, la società afferma che l'unico uso previsto per la magic wand è per massaggiarsi.
Nel 2000 l'Hitachi ha avuto un conflitto con il suo distributore americano, bloccando quindi le vendite per alcuni mesi fino a raggiungere un nuovo accordo con il distributore Vibratex.

Un importante passo storico affrontato da questa adorabile bacchetta magica è stato un episodio di Sex and the City (2002), che diede il via ad un boom di vendite in America, tanto da finire le scorte dei grandi magazzini.

Hitachi ha deciso di cessare la produzione nel 2013 a causa del collegamento che ormai tutti i clienti facevano. Vibratex ha però poi convinto l'azienda a continuare a produrre sotto il nome di "Original magic wand" omettendo il nome della Hitachi.

mercoledì 14 ottobre 2015

Rabbit, un piccolo regalo per conoscersi meglio

Quando una donna mi chiede quale sex toys acquistare come primo giocattolo, mi sento quasi in dovere di farle fare una prima bella esperienza che le lasci la voglia di continuare ad esplorarsi. E' sempre difficile dare un simile consiglio, perchè effettivamente siamo tutti diversi e a tutti piacciono cose diverse.
Mi è capitato spesso anche che uomini mi chiedessero cosa regalare come primo giocattolo alla loro partner; mi sento un po' madrina quando accadono queste cose.
Personalmente credo che come primo oggetto mi regalerei o regalerei un rabbit, perchè lo trovo un buon inizio ed un buon compromesso. Può essere un normalissimo dildo se non acceso e ce n'è per tutti i gusti e per tutte le tasche.
Ovviamente quando si tratta di regali o di primi acquisti, mi rendo conto che partire con cifre importanti non è una cosa da e per tutti, quindi ho deciso di proporvi diversi rabbit di vari brand con prezzi diversi e qualità simili.

Iniziamo da Bwild Classic Marine di  B Swish (immagine a destra).
Questo vibratore completamente waterproof è in morbido silicone, particolarmente indicato per la stimolazione simultanea di clitoride e punto G. Ha un doppio motore in grado di regolare, su entrambe le estremità, 5 diverse modalità di vibrazione (30€).






Ecco poi Captain Charm di Love To Love (immagine a sinistra).
17 cm di divertimento e 12 diverse modalità di vibrazione.
Piccolo, ma molto potente, ad un costo molto accessibile (37€).




Come terza opzione vi propongo Bliss di Vibe Therapy (immagine a destra), è un rabbit in silicone dotato di rotazione. E' possibile scegliere tra 7 diverse modalità di vibrazione per la stimolazione clitoridea e 3 velocità di rotazione (63€).





Immancabile Dolly Bi della Funfactory, anche lui piccino, ma molto efficace con il suo tenero design da delfino (immagine a sinistra).
Ottimo anche per la stimolazione prostatica, grazie alla forma del sorriso. Ha un caricabatterie magnetico del sistema Click’n’Charge da collegare alla batteria ricaricabile già integrata nel vibratore che lo rende sempre disponibile. (90€)




FiFi della Je Joue (a destra), è vellutato al tatto e sinuoso nel design, dispone di tre motori vibranti, nella parte dedicata al punto G, nelle orecchiette flessibili che stimolano il clitoride ed anche nell'area che stimola le labbra.
FiFi offre diverse impostazioni di vibrazione (107€).




Per concludere questa "gita" tra i rabbit ecco Ina Wave della Lelo (a sinistra); non è un semplice vibratore rabbit dedicato alla stimolazione simultanea di clitoride e punto G, ma una vera e propria mano. I suoi movimenti non si limitano soltanto alla vibrazione (ne possiede comunque 10 diverse), ma riproduce abbastanza fedelmente le movenze dell’indice e del medio della mano nel momento in cui cerca di raggiungere il G-Spot (160€).


mercoledì 7 ottobre 2015

Burlesque - seduzione e divertimento!

Plug the fun in non è solo sex toys, ma è tutto ciò che riguarda la sessualità, l'erotismo e l'inserire del brivido nelle relazioni con i propri partners.

Il mio compleanno si avvicina e dovendo pensare a come festeggiarlo ho deciso di andare a vedere del buon burlesque!
A Milano c'è forse uno dei Saloni più belli della nostra penisola: Il Salon Parisien, dove il Royal Burlesque Revue si esibisce dal 2010.
Ho sempre avuto un feticcio per il burlesque e confesso che sono sempre stata tentata dal lanciarmi con qualche lezione, ma il mio scarso esibizionismo mi ha sempre bloccata prima!

Nato in Inghilterra nel XVIII secolo, il Burlesque è un tipo di spettacolo legato alla satira; durante l'ottocento acquisì caratteristiche più comiche e parodistiche e quando in seguito venne importato negli Usa ebbe diverse trasformazioni, divenendo caricaturale e caratterizzato da canzoni e danze di ballerine che eseguivano anche spogliarelli. Così facendo passò dall'essere uno spettacolo caricaturale ad un varietà.

Negli anni novanta il burlesque si unì molto alla cultura vintage.
I nomi più famosi del panorama contemporaneo di questa forma artistica sono quelli di Immodesty Blaize, Dirty Martini, Julie Atlas Muz, le Pontani Sisters, Catherine D'Lish, Dita Von Teese.

Personalmente sono affascinata dai corpi di queste splendide donne, corpi che spesso non sono il solito 90-60-90, ma di ogni tipo, forma e ben curati; hanno sempre abiti perfetti, ricercati e costruiscono i loro spettacoli a 360°, lasciando il pubblico sempre a bocca aperta.


martedì 29 settembre 2015

Sesso anale - capitolo IV (statistiche)

Qualche settimana fa ho avuto sott'occhio un interessante articolo sul sesso anale. Lo condivido qui con piacere, aggiungendo che trovo molto interessante come anche le statistiche di questo blog confermino la cosa.

Le visite giornaliere di Plug The Fun In aumentano nei giorni in cui i post riguardano il sesso anale e tutto ciò che ruota attorno, tra i post più letti ci sono proprio quelli su questo specifico argomento. I miei lettori sono per lo più italiani con qualche visita dall'America.


Tra i dati più interessanti:

"[...]Ma stando ai dati c’è una pratica sessuale che pare garantire l’orgasmo più di tutte, sia agli uomini che alle donne: è il sesso anale. Secondo la ricerca, il 100 per cento degli uomini e il 94 per cento delle donne dice di aver avuto un orgasmo durante un rapporto in cui ha ricevuto sesso anale. [...]"


"[...] I dati più interessanti riguardano gli atti sessuali praticati nei rapporti che portano all’orgasmo. Per gli uomini il risultato era più o meno sempre lo stesso: avevano raggiunto l’orgasmo il 90 per cento delle volte, indipendentemente dalle pratiche sessuali. Per le donne invece ci sono molte differenze: il 64 per cento aveva avuto un orgasmo in rapporti che prevedevano la masturbazione insieme al partner, come sfregarsi i genitali nudi o vestiti, o il petting (cioè le pratiche sessuali che non prevedono la penetrazione); l’81 per cento l’ha invece raggiunto in un rapporto sessuale in cui ha ricevuto sesso orale.[...]"
Il Post                    

mercoledì 23 settembre 2015

Il preservativo femminile

In molti/e non lo sanno, eppure esiste già da diversi anni. Ottima soluzione per i rapporti etero, ma grande svolta per i rapporti omosessuali tra donne.

Il condom femminile è una guaina in materiale sintetico, di nitrile oppure in poliuretano (materiali più resistenti del lattice e ipoallergenici), con due anelli alle estremità. 
Protegge da gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili, esattamente come il preservativo maschile. Il più di questo contraccettivo è che la sua parte terminale rimane all’esterno della vagina coprendo anche la vulva, permettendo così il cunnilingus senza il timore di malattie o infezioni sessualmente trasmissibili.

L'estremità chiusa va inserita in fondo alla vagina, l’anello interno del preservativo femminile si posiziona dietro l’osso pubico mentre l’anello aperto rimane esterno. Può essere inserito anche diverse ore prima del rapporto, facendo sì che non si debba aspettare l'erezione maschile ed interrompere quindi il momento più intimo, come nel caso del condom maschile.
Se viene inserito correttamente mantiene la sua posizione senza scivolare via, a differenza del preservativo “classico” che può risentire di una diminuzione dell’erezione. La guaina è sottilissima, e il nitrile conduce meglio il calore rispetto al lattice. 
Il preservativo femminile è stato approvato dalla Food and Drug Administration già nel 1993.

martedì 15 settembre 2015

Pillole di storia - capitolo I - Il dildo

Visto il grande successo dei capitoli sul sesso anale (I - , II - Il plug, III - Il dildo) e sul bdsm (I - sextoys e sm II - le manette), ho deciso di iniziare con dei brevi capitoli sulla storia dei sex toys.
Gli aneddoti su questi giocattoli sono in realtà molti, soprattutto recenti. Il 900 è stato un secolo di grandi svolte per la sessualità, sia per lo sviluppo della tecnologia che per l'apertura mentale.
Partirò dall'antica Grecia con gli Olisbos, fino ad arrivare ai più moderni toys delle aziende più in voga di questi ultimi dieci anni.
Buona lettura!

La storia dei sex toys è molto più antica di quello che si crede. Non ha inizio con il primo vibratore (datato 1742), ma bensì con il dildo, chiamato inizialmente “olisbos” (datato 500 a.C.), venduto dai mercanti del porto greco di Mileto.

In realtà nella regione dell’Aquitania, in Francia, sono stati ritrovati degli oggetti di forma fallica in pietra ed osso riconducibili al paleolitico e nel Museo dell’Antica Cultura Sessuale Cinese di Shanghai è possibile vedere esposto un fallo verde in pietra di giada risalente a 6.000 anni fa, ma queste due scoperte sono ancora avvolte da misteri di ogni tipo.

I simulacri fallici sono comuni nell'arco di tutta la storia dell'uomo, come oggetto di venerazione o forme di espressione artistica. I dildo si distinguono da loro per l'uso sessuale.
I dildo utilizzati anche nell'antica Grecia erano intagliati nel cuoio dai calzolai, infatti nel mimo dello scrittore greco Eroda due amiche conversano sul “baubon” in cuoio fabbricato da un calzolaio.

[Nella foto Bouncer della Fun Factory dildo con all'interno tre sfere rotanti che reagiscono alla muscolatura interna, grazie al loro spostamento di peso aumentano il piacere. Il design di questo toy in silicone può stimolare il punto G e la prostata, è quindi perfetto sia per uso vaginale che per uso anale. La base ampia permette una buona adesione alle superfici e l’utilizzo con un’imbracatura harness strap on.]

giovedì 10 settembre 2015

Ovetto vibrante, tra i sex toys più venduti per la coppia

L'ovetto vibrante, chiamato anche Love Egg, è un vibratore tipicamente a forma di uovo (da qui il nome) da inserire all'interno della vagina. La particolarità di questo toy è che il partner ne può controllare i movimenti, i modi e le velocità di vibrazione tramite un telecomando wi-fi.
E' un giocattolo molto interessante perchè può essere utilizzato mentre si guarda la tv insieme al proprio partner, ma anche durante una cena intima fuori casa.
E' ottimo anche come stimolatore clitorideo.

[Nella foto a sinistra Maitre du Plaisir di Plaisirs Secrets ]


[Nel video Lyla - Tiani - Oden della Lelo]

Lyla è un ovetto vibrante molto elegante ed ergonomico della Lelo. La tecnologia SenseMotion permette di modificare a proprio piacimento le 8 diverse modalità di vibrazione semplicemente ruotando il giocattolo con un movimento della mano.


Vibrating Egg è invece un ovetto vibrante di Lovers Premium.
Ha un telecomando senza fili dotato di un display digitale e 10 diverse modalità di vibrazione.


martedì 1 settembre 2015

"Il pavé non è amico del plug!" - Aneddoti divertenti!

Qualche tempo fa, nei deliri delle ricerche per la mia tesi di laurea, mi sono imbattuta su racconti divertenti di alcune mie amiche e conoscenti. Anche nella puntata di Scandalous dedicata ai sex toys di radiostatale.it , abbiamo chiacchierato di alcune vicende sul genere, ridendo a crepapelle anche nel dietro le quinte.
Ma sì... del resto i sex toys sono anche questo:  scene divertenti, condivisione con le amiche ed amici, imbarazzo ed amore.

La storia di N.
N decide di andare a trovare un'amico intimo per il weekend, amico che le propone di fare il viaggio in treno con un plug, vestita in maniera un po' "provocante". N coglie al volo la proposta, che  le prospetta un interessantissimo fine settimana; prepara le valigie e prima di uscire di casa indossa plug e vestitino. Prende il suo motorino e si avvia alla stazione più vicina. Peccato, però, che viva in una città molto trafficata e con il pavé...diciamo che tremolio e traffico non le sono stati granché d'aiuto.
N si è ritrovata in lacrime sulla banchina, con un treno perso e un plug "traballante".
Al rientro dal weekend ha raccontato la storia alle amiche sorridendo, ma soprattutto imparando che forse sarebbe stato meglio ascoltare qualche amica che le suggeriva di mettere il traballante plug solo una stazione prima!

La storia di A.
A. è a cena con le amiche con un ovetto vibrante nella vagina, l'ovetto in questione è uno di quelli che si attiva quando squilla il telefono cellulare. Solitamente questi toys vengono impostati sulla frequenza di un solo telefono, ma in quel caso il fidanzato di A aveva deciso di usare le frequenze di tutti i telefoni presenti in sala lasciando libera l'impostazione, A ovviamente non sapeva nulla di questa scelta, ritrovandosi a cena con cinque amiche ed un ovetto che vibra quasi continuamente.Squilla il primo telefono (un uomo accanto a lei) ed avviene il primo sobbalzo, squilla il secondo telefono (un'amica al tavolo con lei), squilla un terzo telefono (un tavolo leggermente più in là), A si ritrova con una continua vibrazione e quindi stimolazione vaginale, MA non potendo tirare via il toy per via della raccomandazione del proprio fidanzato che da lontano la osservava divertito.

La storia di G.
G esce a cena con il proprio ragazzo, insieme decidono che sarebbe carino ed eccitante se lei indossasse un piccolo plug (lei aveva fatto un training con diversi plug, ragion per cui la scelta di un piccolo plug gioiello non è stata geniale). G a metà cena va alla toilette e si accorge di aver "perso" il piccolo plug.
Panico iniziale a parte, G è riuscita a recuperare il toy, tornando così al tavolo ridendo e raccontando l'accaduto al compagno. 

Che fine hanno fatto le tre ragazze?
N ha deciso di ascoltare più spesso le amiche con esperienza (non eseguirà alla lettera i giochi a distanza), A è diventata più complice con il proprio ragazzo e credo che G non tornerà più indietro con le misure dei plug!

giovedì 27 agosto 2015

Sex toys e sadomaso - capitolo II - Le manette

Le manette e le fasce sono tra i sex toys, legati alla sfera del sadomaso, più venduti al mondo. Del resto chi non ha mai fantasticato di legare il proprio partner al letto?!?

Ne esistono di tutti i tipi, materiali, colori e sono forse l'oggetto che riguarda la sfera bondage più sicuro (ricordatevi dove mettete le chiavi!!).

Se volete regalare al/alla vostro/a partner un'atmosfera di gioco romantica, vi consiglio i polsini in pelle di Bettie Page; regolabili, imbottiti e foderati in morbido velluto, garantiscono il massimo comfort a chi li indossa, evitando che si faccia male in caso di movimenti eccessivi. I due polsini sono legati tra di loro tramite una catena, che semplifica la legatura al letto o a qualsiasi altro oggetto o luogo di vostra fantasia.


Se invece cercate qualcosa di più "veloce", vi consiglio le fasce di seta di Lelo, morbide e semplici da usare sono il miglior modo per approcciare a queste pratiche minimizzando i rischi.
Queste fasce sono sufficientemente lunghe da poter legare polsi e caviglie a qualsiasi estremità.






Per chi invece ama il fai da te consiglio il nastro telato o il nastro di pvc!


Come ultimo toy vi parlo di un kit molto interessante e più "complesso", che vi darà modo di variare e fantasticare un po' di più rispetto alle manette o alle semplici polsiere.
Il set  Heavy Duty Hogtie Kit della Fetish Fantasy include 4 manette regolabili con polsini in neoprene e cinghie in nylon dotate di clip in metallo.

domenica 2 agosto 2015

Esercizi di Kegel - un tipo di ginnastica con risvolti piacevoli

Basta molto poco ed è possibile farli anche durante la normale ginnastica o durante momenti quotidiani, gli esercizi di Kegel sono ottimi per ridurre l'incontinenza urinaria, ma anche per controllare l'orgasmo.

Per esercizi di Kegel s’intende la ginnastica pelvica procurata dalla contrazione involontaria dei muscoli pelvici sotto stimolazione. E' consigliabile praticarli 2/3 volte al giorno con giocattoli come: palline vaginali, coni vaginali ed elettrostimolatori.
Oltre a lavorare sull'incontinenza sono utili per alleviare il dolore durante e dopo il parto naturale, per la vulvodinia e l’anorgasmia.
Insomma, non c'è alcuna controindicazione, questi esercizi possono risollevare le sorti della vita di coppia, reintroducendo una sessualità a due ancora più passionale di prima.

Gli esercizi di Kegel prendono il nome del ginecologo americano che li teorizzò nella prima metà del ‘900.

Adesso munitevi di palline vaginali! 
Se siete alle prime armi scegliete una pallina, due palline se siete già a buon punto.
Inserite le vostre palline vaginali all’interno della vagina stando in piedi e svolgendo le vostre normali attività quotidiane. I pesi contenuti all’interno delle palline, sbattendo contro le pareti di quest’ultime, provocheranno l’istantanea contrazione dei muscoli pelvici. Tenetele dentro per un massimo di 15 minuti e noterete i primi risultati già a partire dai primi mesi.
I coni vaginali sono invece lo strumento ideale per una ginnastica pelvica livello avanzato. All’interno di un cono va inserito un peso, diverso a seconda della propria fase di allenamento. I pesi, presuppongono un allenamento che parta dal peso più piccolo a quello più grande, ognuno da inserire in vagina per un tempo variabile da un minimo di 3 ad un massimo di 15 minuti. Particolarmente indicati per coloro che già avvertono i primi segnali di incontinenza urinaria, insostituibili dai 30 anni in su. 
Un consiglio per chi è in età avanzata o in pieno prolasso è quello di scegliere le sonde vaginali ad elettrostimolazione – o elettrostimolatori - più delicate e meno invasive.

Come dicevo prima, gli esercizi di Kegel non servono soltanto a ridurre l’incontinenza urinaria o da stress, ma anche ad intensificare l’orgasmo femminile durante la penetrazione vaginale. La ginnastica pelvica, infatti, tonificando i muscoli pelvici e vaginali, contribuisce ad aumentare la percezione delle loro contrazioni durante l’orgasmo, procurando così un piacere intenso per lei ed eccitante per il partner. 

mercoledì 29 luglio 2015

Massaggiatori prostatici - forme strambe per oggetti divertenti

E' forse uno degli argomenti tabù per eccellenza, soprattutto tra gli uomini etero.
Con questo articolo spero di incuriosirvi, sia che siate uomini o donne, perchè questi sono ottimi giochi per giocare anche in due, di qualsiasi sesso siate!



Per primo vi presento Duke un adorabile massaggiatore prostatico disegnato dalla fun factory.
La sua buffa forma si adatta perfettamente all’anatomia dell'uomo. E' un vibratore, con tre diversi programmi, che riesce a dare all'uomo orgasmi molto più intensi e duraturi di quelli procurati dalla semplice penetrazione.
La tecnologia Click’n’Charge consente brevi tempi di ricarica ed un uso prolungato.
Lo consiglio anche a gente del tutto inesperta e che vuole provare la penetrazione anale, ma consiglio un piccolo training prima con qualche plug più piccino o con le dita.

Questo massaggiatore prostatico si chiama Eupho Syn e permette di raggiungere un orgasmo anale  completamente diverso da quello che si prova con la penetrazione tradizionale,  la curva anatomica segue perfettamente quella della prostata esercitando una maggiore spinta che permette di svuotarla completamente, amplificando l'intensità. 
Il design è molto sottile e la sua punta  ampia garantisce un maggiore comfort derivato non solo dalle linee ma anche dallo strato di silicone morbido.
Eupho Syn permette di allenare i muscoli dello sfintere. L'azienda che lo produce è la Aneros.

Infine ecco Revo2, della Nexus, caratterizzato da una testa che ruota in maniera indipendente all'interno del corpo, facendo così un massaggio profondo e accurato alla prostata, e un potente braccio esterno vibrante.
E' adatto sia per principianti che per i più esperti.
Revo2 viene fornito in dotazione di cavo USB per poterlo ricaricare con PC e MAC, custodia e manuale utente.

Questi sono solo tre, di un'infinita serie di giocattoli maschili!

giovedì 23 luglio 2015

Sex Toys e statistiche - Una tesi produttiva!

A dicembre 2014 ho pubblicato su fb un questionario che mi è stato molto utile per le ricerche legate alla mia tesi di laurea (per chi non lo sapesse la laurea era in Product Design a Brera e la tesi era sui sex toys, appunto).
Il questionario è stato on line fino a marzo 2015, ma circa il 70% delle oltre 600 persone che hanno partecipato, ha compilato il tutto nel giro di un mese.
Qui di seguito pubblico i risultati, visto che ormai la tesi è stata discussa ed il mio percorso di studi è terminato. Spero che questa mia ricerca possa risultare utile.
Ringrazio le tantissime persone che hanno partecipato.

Cliccate sulle immagini per leggere bene i risultati.







martedì 21 luglio 2015

Igiene e salute

La pulizia dei sex toys è molto importante, soprattutto per la salute sessuale.

Generalmente per la pulizia basta utilizzare acqua tiepida e sapone antibatterico, ma qualche toy potrebbe richiedere più attenzioni.

Alcuni giocattoli in vetro possono essere messi in lavastoviglie, ma si raccomanda di non esporli a temperature troppo alte e di lavarli sempre con acqua e sapone.
I sex toys in acciaio inox si possono far bollire oppure metterli in lavastoviglie, anche questi possono essere lavati semplicemente con acqua e sapone.
 I giochi di plastica non è possibile farli bollire, ma possono essere tranquillamente lavati sempre con acqua e sapone.
Quelli in silicone possono essere messi sul ripiano più alto della lavastoviglie, si possono bollire senza alcun problema per 5-10 minuti o possono essere lavati con acqua e sapone.
I sex toys porosi sono i più difficili da pulire e bisogna quindi fare attenzione, meglio utilizzare acqua e sapone, magari un detergente intimo asciugandoli poi bene, controllando che non siano rimasti liquidi.
Quelli in gomma non possono essere adeguatamente puliti perché i batteri vengono assorbiti dal materiale, per cui si consiglia di usare sempre il preservativo.
CyberSkin e vinile possono essere puliti con acqua calda, asciugati con un phon e poi cosparsi con un po 'di amido di mais (per tenerli asciutti e non appiccicosi).
I giocattoli in nylon, come molti altri,  possono essere messi in lavastoviglie o lavati con acqua e sapone.

In generale bisogna sempre fare molta attenzione quando si lavano questi tipi di oggetti, molti giocattoli hanno componenti elettriche quindi si rischia che vengano rotte o che restino malfunzionanti, oltre al fatto che possono fare danni se vengono usati con le parti elettroniche ancora umide.

lunedì 6 luglio 2015

Sesso anale - capitolo III (dildo)

Siamo giunti ad un nuovo capitolo dedicato al sesso anale.
Ho deciso di parlare di dildo e quindi di affrontare il discorso della penetrazione e della preparazione alla penetrazione.
Una buona forma è quella classica, ma con una base larga, in modo che non si possa inciampare in sconvenienti situazioni; un po' come la base del plug. Ce ne sono diversi sia nella base che nel materiale, ma sicuramente iniziare con silicone o gomme è la miglior cosa. I materiali rigidi come acciaio e legno, per le prime volte, non sono molto indicati.
I lubrificanti a base siliconica sono molto adatti, viene spesso sconsigliato l'uso di lubrificanti a base siliconica su silicone, ma per esperienza posso dirvi che non succede nulla. Sicuramente bisogna avere cura di disinfettare e pulire bene il giocattolo dopo averlo utilizzato. I lubrificanti a base d'acqua sono ottimi, ma chi soffre di secchezza rischia di prosciugare in fretta il liquido, con annesso sfregamento poco piacevole.
Vi consiglio di provare la penetrazione con molta calma e con una buona dose di lubrificante.


Questo a destra si chiama Amor Candy Rose ed è della Fun Factory. Alto 13 cm è pratico, versatile e molto facile da inserire, la dimensione è studiata apposta per non intimorire neanche. La base allargata lo rende più maneggevole e sicuro oltre che utilizzabile anche con harness nella modalità strap on.



A sinistra troviamo Jollipop Smooth di nsnovelties. La sua base a ventosa permette vari utilizzi,dal dildo anale dotato di base di sicurezza a dildo classico posandolo su una qualsiasi superficie liscia, Jollipop è in completo TPE, un tipo di elastomero realizzato principalmente con gomma naturale priva di ftalati, resistente ai raggi UV e facilmente adattabile al calore del corpo.


Sei interessata/o agli altri articoli sul sesso anale?
Ecco qui i link capitolo I, capitolo II

martedì 30 giugno 2015

Il dildo doppio, giochi per la coppia o solo al femminile!

Sono divertenti e colorati, di diversi materiali, studiati per tutte le esigenze e le situazioni.
Dalla coppia etero a quella gay (e per gay ovviamente mi riferisco al maschile ed al femminile) si possono avere dei dildo doppi per ogni tipo di gioco!

Il dildo doppio non è altro che un dildo con due teste entrambe utilizzabili, quindi disegnate apposta per essere inserite nell'ano o nella vagina.
In base al materiale ed alla forma è possibile utilizzarli per scopi diversi e per "configurazioni" diverse.
Le due estremità possono essere più o meno lunghe, flessibili o curve e possono adattarsi per essere inserite sia nella vagina che nell’ano, anche contemporaneamente nella stessa persona.

Il dildo doppio può essere utilizzato in molti modi: 
  • da vagina a vagina, tra due donne che vogliano sperimentare i piaceri del sesso lesbo; 
  • da vagina ad ano, tra due donne, da una sola donna e tra donna e uomo (pegging);
  • da ano ad ano, tra due donne, tra due uomini e tra uomo e donna;
  • anche per simulare il sesso orale, sia tra partner dello stesso sesso che di sesso opposto.

Vi segnalo:

Njoy Eleven di NjoyToy dal design elegante in acciaio inox; si adatta perfettamente ai contorni del corpo. Viene presentato in un' elegante astuccio in pelle completo di manuale e garanzia di 1 anno.
Zefiro di SexArtStudio è un dildo doppio di design 100% italiano, eco-sostenibile ed anallergico, realizzato a mano dall’artista-artigiano italiano Jan Incoronato. E' un sex toy in legno di castagno dal colore dorato con venature brune a vista. La sua struttura a S lunga ben 25 cm lo qualifica sia come dildo doppio adatto alla doppia penetrazione vaginale tra due partner femminili, ma anche come maneggevole dildo anale completo di stimolatore prostata.

Real Double Do di Dorcel è un dildo di circa 42 cm, la sua forma consente ai partners di penetrarsi a vicenda mentre si guardano. Il corpo di Real Double Do è elastico e consente la sperimentazione di varie posizioni sia in coppia che da sole.
Entrambe le estremità del dildo presentano una punta arrotondata e ricurva atta a stimolare efficacemente il punto G. 
La confezione di questo toy comprende il manuale e garanzia di 1 anno Dorcel.


mercoledì 24 giugno 2015

Sex toys e sadomaso - Capitolo I

Forse non tutti lo sanno, eppure nella categoria sex toys rientrano anche gli oggetti legati al sadomaso.
Oramai tutte le grandi case produttrici di sex toys hanno una linea di tendenza legata al BDSM.

In testa a tutte troviamo LELO, azienda nominata spessissimo in questo blog.
L'azienda svedese ha creato già da qualche anno un serie di oggetti per fare bondage ed in generale sadomaso. Ma non è solo lei a proporre oggetti legati al bdsm, il sito mysecretcase  ha ben due grandi pagine nominate: bondage e giochi erotici, dove è possibile trovare diverti articoli molto stuzzicanti. Sono molte altre le aziende ad avere delle piccole costole con oggetti di gioco sadomaso.

Quali sono, però, gli oggetti più venduti?
In testa ci sono i giochi legati al bondage, quindi manette, nastri, corde. Subito dopo troviamo i frustini e i flogger.


Ma cosa è il bondage?
In poche parole il bondage è un insieme di pratiche sessuali basate sulla costrizione fisica realizzata con diversi attrezzi o oggetti come corde, corsetti, cappucci, bavagli. Si basa sull'impedimento consenziente della libertà fisica del movimento, di vedere, di parlare, di sentire.
Alcune forme di bondage sono apprezzate come espressione artistica in fotografia e in pittura, soprattutto in Giappone dove il bondage viene definito così (leggi l'articolo) "l’artista del bondage naka akira ci parla della bellezza erotica del kinbaku" .


Cosa è il BDSM?
Il termine BDSM identifica diverse pratiche erotiche che permettono di condividere fantasie basate sul dolore, lo scambio di potere e/o l'umiliazione tra due o più partner adulti e consenzienti che traggono soddisfazione e piacere da queste pratiche.
BDSM è un acronimo, sta per: Bondage & Disciplina (B&D), Dominazione & Sottomissione (D/s o Ds), Sadismo & Masochismo (S&M o SM).


[nella prima foto Gorgone, modella di Naka Akira]

venerdì 12 giugno 2015

Musei dell'erotismo - sex toys, sessualità, salute.

Nono sono molti e non sono molto pubblicizzati, eppure in giro per il mondo sono diversi i musei dedicati al sesso, alla sessualità ed ai sex toys.
Da New York ad Amsterdam possiamo guardare la storia dei sex toys attraverso le vetrine dei musei, i marchingegni, le copertine delle riviste e le molte istallazioni.

Il Vintage Vibrator Museum, è stato creato nel 1993 da Rachel Venning e Claire Cavanah, si concentra su vibratori antichi, vintage e contemporanei usati per la salute, la cura personale, e il piacere . La storia dei vibratori non è solo una storia legata ai giocattoli, si tratta di una storia che parla della sessualità a livello sociale, di salute, e di responsabilità.

Il Sexmuseum si trova a pochi passi da Piazza Dam ad Amsterdam, è uno de primi musei sul sesso al mondo. Ogni cosa al suo interno ruota intorno ai temi dell'erotismo e dell'amore carnale; la collezione è composta da dipinti, statue, fotografie e oggetti che vi porteranno a scoprire l'evoluzione delle pratiche sessuali nel tempo.
Il Sexmuseum apre nel 1985. All'inizio fu esposto solo qualche oggetto erotico del XIX secolo, ma con il passare del tempo la collezione è stata ampliata ed arricchita dai proprietari.
Ogni sala di questo particolare museo è in onore di qualche personaggio noto per aver lasciato il segno nel mondo dell'erotismo. Troviamo la Galleria Casanova, la Sala Marchese De Sade, la Galleria Rodolfo Valentino, la Sala di Caterina la Grande, e le sale dedicate ad Oscar Wilde e la Marchese di Pompadour. Ovviamente, c'è la Galleria Venere per omaggiare la dea romana dell'amore, ed anche la Sala Vargas in ricordo del famoso illustratore di pin-up.





A Parigi troviamo Le Musée de l'érotisme, nel cuore di Pigalle; qui troviamo pezzi erotici delle culture di tutto il mondo, con una sezione dedicata ai bordelli dell’Ottocento.





L'Erotic Heritage Museum di Las Vegas racconta la storia dell'erotismo concentrandosi sull'ipocrisia in politica, religione, a scuola. La sua missione è conservare opere erotiche, copertine di Playboy e film censurati. Ha anche una vasta gamma di idee per la penetrazione (in bicicletta, sdraiati sulla sedia ecc).

Il Sex Machine Museum si trova invece a Praga, qui è possibile vedere alcuni dispositivi meccanici che spiegano straordinarie e insolite posizioni erotiche, ma anche vecchie diavolerie come il vibratore a manovella e la macchina elettrica anti-masturbazione.


A Miami troviamo il World Erotic Art Museum, basato sull’arte erotica nei secoli.

Infine a Barcellona troviamo il Museo de la erotica. L’itinerario va dal “Kama Sutra”
all’arte erotica nipponica, dalle origini della pornografica ispanica agli attuali
record sessuali (le tette più grosse al mondo, l’eiaculazione più veloce).