lunedì 27 aprile 2015

Sex toys al fuorisalone (parte seconda)

Mi è stato segnalato che non è stata solo la Jimmi Jane ad esporre i suoi sex toys (vedi articolo precedente) durante il fuorisalone 2015, è toccato anche a Francesco Mottini (architetto), Davide Rossi (progettista navale) ed ai fratelli Marco e Nicola Borghini (imprenditori del settore lapideo).
Insieme hanno realizzato dei falli in marmo calacatta, dotati anche di parti metalliche colore argento, o in portoro di Portovenere placcato d’oro.
L’idea è nata anni fa da un gruppo di artisti dell’Accademia di Belle arti di Carrara, che realizzarono un mega fallo di marmo bianco alto più di due metri, posato di notte di fronte al teatro Animosi.
Gli oggetti esposti sono firmati Stonecycle.

sabato 25 aprile 2015

Lubrificanti

Oggi parleremo di lubrificanti, argomento molto interessante, richiesto da molta gente.

I lubrificanti servono per evitare sfregamenti, bruciori o lesioni, possono essere utilizzati sui giocattoli, per il sesso vaginale e per il sesso anale. Ne esistono di specifici per ogni situazione.
Ne esistono di vari tipi, tra cui quella a base acquosa e quelli a base siliconica

I lubrificanti a base acquosa sono più indicati per la vagina e per i giocattoli (per questi ultimi dipende anche dal materiale del toy), ma sconsigliati per il sesso anale.
Sconsiglio la base acquosa a chi soffre di secchezza vaginale o in generale ha una pelle molto secca, perché i tessuti tendono ad assorbire molto in fretta l'acqua del lubrificante facendo così asciugare in breve tempo la zona.
Tra quelli di cui ho ottime referenze posso consigliarvi il Vagisil fluida vaginale, che trovate facilmente in farmacia.

Consiglio invece i lubrificanti a base siliconica per chi ha problemi di secchezza, perché il silicone non viene assorbito. In più è una base ottima per il sesso anale e per i giocattoli di diverso materiale (compreso il silicone). E' una base compatibile con i preservativi, ovvero non li danneggia, diversamente da ciò che accade con la vaselina ad esempio. Nel caso dei lubrificanti a base siliconica vi consiglio sempre di controllare gli ingredienti e le percentuali, molti scrivono base siliconica sull'etichetta e poi hanno molte altre sostanze che sovrastano la base.
Tra quelli di cui ho buone referenze posso consigliarvi il Glide, non troppo facile da reperire nei sexy shop, ma facile da trovare su internet (Mr B).

La vaselina è una gelatina ottenuta dalla raffinazione del petrolio, il che non la rende una sostanza molto adatta alla penetrazione, infatti non è molto consigliata.

lunedì 20 aprile 2015

Sex toys al fuorisalone

Il fuorisalone è sempre un evento molto interessante di per se, ottimo per prendere spunti e suggerimenti, in particolar modo per chi come me lavora nel campo del design. Mai, però, mi sarei aspettata di trovare dei giocattoli erotici tra i vari edifici e le varie istallazioni.

E' successo a Lambrate; tra vari oggetti creati grazie ai nuovi materiali, ho trovato tre interessanti sextoys. 
Le informazioni che sono riuscita ad avere sul momento sono state poche, così ho spulciato su internet trovando materiale interessante.
I giocattoli in questione sono: Form 4 (un vibratore), Form 3 (un vibratore che dovrebbe dare la sensazione della lingua sul clitoride) e Form 2(uno stimolatore specifico per il clitoride), la casa di produzione è la JimmyJane , nata nel 2004 a San Francisco.
Per me è stata una grande sorpresa trovare simili oggetti, tanto da aver subito pensato di aver interpretato male il significato, invece no!  Anche al fuorisalone iniziano ad esserci oggetti di design legati alla sessualità; questo è molto rassicurante e soprattutto credo sia un punto a favore dello sdoganamento che sta avvenendo in Italia.

Anche per l'EXPO ci saranno novità a riguardo, ma aspetteremo ancora un po' prima di scoprirle!

(nelle immagini, in ordine: form4, form3, form2)

lunedì 13 aprile 2015

Intervista a Scandalous - Radio Statale


A febbraio, come forse alcuni di voi ricorderanno, sono stata invitata da tre fantastici ragazzi a Radio Statale a Milano. Esperienza per me molto divertente e soprattutto nuova. Abbiamo parlato di sex toys tra risate, gaffe e aneddoti.

Ecco qui il link del podcast della puntata.
Buon ascolto!

venerdì 10 aprile 2015

Magic Wand vs Ina Wawe

Daniele in questi giorni mi ha posto un quesito molto interessante: meglio la Magic Wand o Ina Wave?

Per chi non la conoscesse, la Magic Wand, è un massaggiatore prodotto dalla Hitachi, società giapponese con sede a Tokyo. Questa bacchetta magica nacque per alleviare la tensione muscolare, ma con le rivoluzioni degli anni '60 divenne famosa grazie a Betty Dodson, educatrice sessuale, che mise nero su bianco il fatto che fosse un ottimo stimolatore clitorideo.

Curiosità: Nel 1999 la società affermò che la Magic Wand fosse solo un dispositivo medico, ma questo non fermò le donne dall'acquisto del massaggiatore per uso sessuale. Tre anni dopo, infatti, grazie ad una famosissima e divertente puntata di Sex and The City, la bacchetta spopolò in tutto il mondo.



Ina Wave è un rabbit creato dalla Lelo, giovane azienda svedese.
La particolarità di questo toy è il corpo principale, quello per la penetrazione, il quale ondeggia simulando il movimento delle dita, stimolando il punto G.

Un rabbit è un vibratore con due estremità, una per la penetrazione ed una più piccola per la stimolazione clitoridea, quest'ultima ha spesso l'estremità a forma di orecchie di coniglio da cui prende il nome.

Curiosità: Il rabbit nasce nel 1983 in America, ma viene prodotto in Giappone, dove però la realizzazione in realtà non era autorizzata, infatti per ingannare le autorità questo vibratore veniva disegnato a forma di animale, facendolo così sembrare più simile a dei giochi per bambini.


Tornando alla domanda di Daniele, come potete immaginare, la risposta è difficile perché sono due toys molto diversi, uno incentrato solo sulla stimolazione del clitoride, l'altro su clitoride e punto G.

Il pro della Magic Wand è quello di avere una buona potenza nel motore, quindi tende ad avere una vibrazione molto forte. Per alimentarsi ha un cavo elettrico per cui l'energia è fornita dall'esterno e questo fa si che non ci siano brutte sorprese come la batteria scarica tre secondi prima dell'orgasmo!
Il contro è il rumore, anche la vibrazione più bassa tende a fare un ronzio molto fastidioso.

Un pro di Ina Wave è sicuramente il meccanismo che imita le dita stimolando il pungo G, essendo anche waterproof, un altro pro, è quello del potersi immergere in vasca ed utilizzarla in tutto relax. 
Il contro è nella durata della batteria, due ore di utilizzo che possono far accadere cose come: la batteria scarica poco prima dell'orgasmo!

Non posso quindi dare un consiglio su un toy o sull'altro, per ogni donna sarebbe bello averli entrambi, ma spero che queste descrizioni vi aiutino a scegliere quello più adatto a voi.

martedì 7 aprile 2015

Sesso anale - capitolo I°

In questi giorni mi sono arrivate diverse richieste per diversi argomenti. Dovendo scegliere mi sono lanciata sul più ricorrente: quello del sesso anale.

Per molti è un tabù, per tanti un blocco psicologico, per molti altri un enorme limite da affrontare.
Il blocco psicologico circa il sesso anale è molto diffuso soprattutto tra le donne, fra i più comuni dei problemi c'è la paura di sporcare, la paura della dilatazione e del dolore legato a questa.

Uno dei principali consigli che ho dato a molte amiche ed amici è stato quello di giocare da soli, certe esperienze vale la pena affrontarle anche attraverso l'autoerotismo, non per forza usando oggetti; le dita sono un ottimo strumento.
Nel caso si voglia usare invece un sex toy, il mio consiglio è quello di andare su un normalissimo dildo di normali dimensioni, possibilmente di un materiale morbido come la gomma, il jelly, il silicone e la real skin. Andateci cauti, ma non abbiate troppo timore, i muscoli dell'ano sono molto elastici.

Godersi l'esperienza da soli aiuta a capire anche la conformazione fisica interna, soprattutto aiuta a gestire il piccolo dolore iniziale che potrebbe esserci alle prime esperienze.
Usate del lubrificante, sia che voi abbiate intensione di giocare con le dita, sia che per l'utilizzo dei giocattoli (con questi ultimi è buona cosa usare anche dei preservativi).
Siate rilassati, i muscoli dell'ano si rilasseranno con voi e vi permetteranno una penetrazione tutt'altro che traumatica.
Non mi sento di consigliarvi una posizione in particolare, provate con quella che secondo voi vi permette di restare rilassati e sopratutto comodi.


Curiosità: Nell'antica Roma sodomizzare gli schiavi era un segno di potenza da parte del padrone. 
Dal 1200 al 1700 questa pratica veniva punita dalla legge con la morte sul rogo.  Questa legge è stata abolita soltanto nel 2003 in 13 degli Stati Uniti.
Circa il 35% degli uomini italiani (etero e gay) dichiara di praticare sesso anale; per l'uomo è un atto che dà particolarmente piacere per via della stimolazione della prostata.

In queste due immagini troviamo:
In alto: Gigolino, un adorabile vibratore della Funfactory lungo e sottile, ideale come dimensioni per iniziare da soli, ottimo anche per la stimolazione del punto G.
In basso: Cavalier, un anal toys sempre della casa tedesca Funfactory, la sua forma aiuta la penetrazione soprattutto step by step. 

giovedì 2 aprile 2015

Cosa sono i sex toys?

...e perché parlare di questo argomento?

Ho deciso di aprire questo blog dopo aver ricevuto molte richieste riguardo l'argomento della mia tesi di laurea. Tanti amici e conoscenti dopo essere venuti a conoscenza del tema mi hanno ricoperta di domande: dal come si usano alcuni oggetti a quali possono essere più adatti a loro.
Ed allora eccomi qui a scrivere in questo blog, spinta dagli amici, ma anche dalla voglia di sdoganare questo argomento e di divertirvi condividendo le informazioni che ho raccolto.

Un sex toy non è altro che un oggetto da utilizzare durante il rapporto sessuale o l'autoerotismo. E' un giocattolo utile per rendere più intenso il piacere e per vivere una sessualità più divertente e ampia.



Si dividono in diverse grandi categorie:
vibratori,
dildo,
anal toys,
geisha balls, 
cockrings,
masturbatori maschili,
massaggiatori prostatici


Possono essere realistici o ergonomici (quelli realistici sono quelli che riproducono i genitali, mentre quelli ergonomici sono studiati per stimolare punti specifici del corpo maschile e femminile) possono scaldarsi e raffreddarsi, dilatarsi ed avere più funzioni, possono modificarsi ed essere di diverso materiale e colore.
Diversamente da quanto si crede, nella categoria dei sex toys rientra anche l'oggettistica legata al bdsm e più ampiamente anche gli oggetti fatti in casa.

I sex toys più acquistati in Italia, secondo un indagine condotta dal sito mysecretcase, subito dopo le palline vaginali, sono i vibratori per coppie seguiti dai vibratori rabbit e g-spot.

Per quanto l'argomento possa sembrare ormai affrontato dappertutto molto apertamente, non in tutti gli stati i sex toys sono legali.
La vendita di vibratori e oggetti simili è vietata in alcuni stati nella parte meridionale degli Stati Uniti d'America. Nello stato del Texas la vendita di articoli per la stimolazione sessuale (come vibratori e dildo) tecnicamente è illegale, ma molti negozi li vendono ugualmente a patto che l'acquirente firmi una liberatoria dove afferma di usare l'oggetto solo per scopi educativi. Acquistare un vibratore è illegale anche in Georgia, Alabama, Mississippi, Indiana, Virginia, Louisiana e Massachusetts.

Curiosità: Rachel Venning, co-fondatrice di Babeland, il sexy shop più in voga di New York, ha inaugurato il Vintage Vibrator Museum, dedicato ai vibratori più antichi